“Verbal Warrior” di Massimo Picozzi

Avete presente quando siete in coda alla guida e incontrate un automobilista che inizia a imprecare, magari insultandovi? Oppure, vi è mai capitato di avere un collega di lavoro che sparla di voi e verso cui sentite il bisogno di dirgliene quattro? O ancora, quando riprendete un vostro alunno e arriva il genitore arrabbiato che vi intima di non prendervela con suo figlio?

Questi sono solo alcuni esempi utili a introdurre il libro di oggi: Verbal Warrior – Il potere delle parole per disinnescare il conflitto scritto dallo psichiatra e criminologo Massimo Picozzi. Ho scelto di parlarvi di questo testo perché, nella società di oggi, il conflitto è all’ordine del giorno, e ogni situazione può diventare occasione per innescarlo. L’autore, attraverso questo manuale, vuole offrire una guida utile a gestire i conflitti fornendo a tutti gli strumenti per promuovere un dialogo costruttivo e risolutivo.

Il libro è suddiviso in tre parti. La prima è dedicata al linguaggio, all’ascolto e alla conoscenza del “verbal judo” o “autodifesa verbale”. Massimo Picozzi la descrive come una tecnica basata sull’uso del corpo e della voce, ma soprattutto sulla scelta delle parole da utilizzare per non aggravare una situazione già di per sé difficile. Non sempre, infatti, l’attacco garantisce un buon risultato, anzi, spesso aggrava una situazione potenzialmente gestibile.

La seconda parte, invece, illustra esempi e consigli per applicare sul campo il “verbal judo”: con i propri dipendenti, con i colleghi, verso i superiori, all’interno del servizio clienti, e ancora, nei rapporti di coppia, a scuola, con i bambini e gli adolescenti, così come con persone fragili o in ambito delle professioni dell’aiuto.

La terza e ultima parte, vuole dare al lettore un messaggio di positività, immaginando le parole come dei mattoni che, posti correttamente uno sull’altro, possono diventare la base per una comunicazione costruttiva e rispettosa. In questa sezione è messa in evidenza l’importanza delle parole squadra, ascolto, motivazione, costruzione e cambiamento.

Il libro, scritto in un linguaggio chiaro e accattivante, può davvero essere un valido supporto per tutti coloro che operano nel campo delle professioni dell’aiuto o in quello delle relazioni interpersonali, ma anche per le persone che desiderano migliorare la qualità della loro comunicazione e avere strumenti in più per gestire potenziali momenti di conflitto, anche nella vita di tutti i giorni.

Massimo Picozzi non delude mai, perché, attraverso i suoi libri, possiede la capacità di raggiungere ogni lettore, professionista e non, facendogli conoscere gli aspetti nascosti dell’animo umano ma anche fornendo suggerimenti utili. Ricordo, quando ho incontrato il professor Picozzi, ormai 15 anni fa, avevo appena iniziato Scienze Sociali all’università: in quel momento ho capito che sarei diventata anche una criminologa forense. Ho letto molti dei suoi libri e Verbal Warrior è stata una lettura esemplare in un periodo storico dove il mio lavoro è sempre più faticoso, difficile e le diverse forme di aggressività sono all’ordine del giorno. Ho avuto la fortuna di assistere alla presentazione di questo libro qualche mese fa a Voghera, grazie a un evento organizzato dalla Libreria Ticinum.

Consiglio a tutti di leggere questo manuale, così attuale e in grado di dare suggerimenti utili a migliorare la nostra qualità di vita e il rapporto con le altre persone.

Stefy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: